salumi-bonalumi-lavorazioni-3
salumi-bonalumi-lavorazioni-3
salumi-bonalumi-lavorazioni-4
salumi-bonalumi-lavorazioni-4
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-1
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-1
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-2
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-2
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-3
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-3
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-4
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-4
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-5
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-5
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-7
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-7
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-8
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-8
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-9
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-9
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-10
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-10
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-11
Salumi-Bonalumi-Lavorazioni-bis-11

L’AIUTO DELLA TECNOLOGIA. MA ANCHE LA VISTA E IL TATTO.

Nella produzione artigianale di salumi, la lavorazione ha un’incidenza fondamentale sulla qualità finale del prodotto.

Magro e grasso, normalmente il 20-25%, vengono macinati in modo morbido e omogeneo, seguono poi le fasi di insaccatura e legatura manuale, quest’ultima prevista per l’intera produzione artigianale di salumi.

Le successive fasi di asciugatura e di stagionatura necessitano delle più grandi attenzioni. I salami vengono messi in stanze di asciugatura dove restano per una settimana a temperatura decrescente, dai 22 ai 14 gradi, poi passano alla stagionatura.

 

salumi-bonalumi-lavorazioni-foto2

Il controllo delle temperature viene eseguito a monitor.

L’esperienza quarantennale dei titolari gioca un ruolo fondamentale. Ancora oggi, essi controllano ogni singolo prodotto, visivamente e al tatto, intervenendo, se necessario, sulla temperatura e sull’umidità.